mercoledì 25 febbraio 2009

V for Vergogna

Ieri ho rivisto, per l'ennesima volta, V for Vendetta il film tratto dall'omonima grafic novel di Alan Moore, che, almeno nella mia visione del cose, è tremendamente attuale. Il nostro paese si sta ritrasformando in un paese fascita, con il crescente razzismo a farla da padrone montato ad arte dai media. E non mi riferisco solo al razzismo verso i romeni, gli albanesi e i rom, ma alla generale intolleranza verso il diverso che ormai serpeggia ovunque. Ora abbiamo le ronde cittadine controllate dai partiti della destra... ma non vi sembra che ricordino, purtroppo, le ronde squadriste del triste ventennio? Ma sono l'unico in questo paese che sta affondando che si rende conto delle similitudini di questo governo con quello dei vent'anni di buio di Mussolini? Se avete visto il film o letto la grafic novel sapete come Adam Susan/Sutler e il suo partito il Norsefire sono saliti al potere? Come hanno mantenuto questo potere? Cavolo è la stessa cosa che sta facendo il governo Berlusconi! Ascoltatevi il discorso di V tratto dal film... non sembra che descriva il nostro paese?


Concludo riferendovi una conversazione che ho sentito sul bus quando stavo tornando a casa dal lavoro. Una testimone di Geova ha abbordato una ragazza romena chiedendogli prima la propria religione e poi un commento sulla situazione attuale. La ragazza straniera ha risposto che si vergogna dei suoi connazionali che stanno al centro delle cronache. Io ho pensato che non si dovrebbe vergognare perché i violentatori sono suoi connazionali, è stupido, cosa c'entra lei con quelle persone? Cosa c'entra la Romania come paese con queste persone? Potrebbero essere italiani, cubani, tedeschi o neozelandesi, non cambierebbe nulla, bastardi sono, bastardi rimangono. Invece sono io che mi sono vergognato, per come si sta comportando il nostro governo, i nostri media. Lo sapevo che il 60% degli stupri sono fatti da italiani, leggete qui. Prima di lasciarmi ecco una bella immagine di un comizio di Adam Sutler... non vi ricorda qualcuno?
Photobucket

4 commenti:

Giulia ha detto...

E' vero, il discorso è bello e decisamente attuale sotto alcuni punti di vista. Pone tra l'altro l'accento anche su una causa: la paura. In fondo se c'è questa forma di rifiuto e di razzismo nei confronti dello straniero la causa è proprio da ricercarsi nella paura. Io per prima sono stata, seppur indirettamente, toccata dalla questione dello straniero pericoloso, e io per prima ne ho oggettivamente paura. Ora, la vergogna che prova la ragazza rumena che hai sentito intervistare è la stessa che provi tu quando pensi a quanti italiani sono più o meno razzisti. Perchè in un certo senso la responsabilità è di tutti. Sarò altrettanto onesta e dirò anche che al momento non vedo una soluzione: questo paese non offre più nulla nemmeno agli italini, quindi è normale che gli stranieri si ritrovino quasi costretti a delinquere. Perciò cosa vogliamo fare? Qual è la soluzione? Se li facciamo restare tutti alimentiamo l'odio, se li mandiamo via compiamo un atto ingiusto nei confronti degli immigrati che sono venuti alla ricerca di una speranza e che non sono delinquenti. Non so, onestamente non vedo via d'uscita.

Valberici ha detto...

Sono assolutamente d'accordo.
Però devo anche dire che ci sono persone che preferiscono vivere una vita da schiavi, piuttosto che battersi per la libertà. :(

lozirion ha detto...

grande, grandissimo film, geniale e purtroppo tremendamente attuale.... Purtroppo è vero anche che la situazione è difficile, come dice Giulia, e che a tanti, come dice Valberici, va bene così....

Secondo me il modo c'è, ma non si può cercare la soluzione definitiva e nel frattempo non muovere un dito, le cose vanno fatte passo passo, ma qualcosa bisogna fare....

Ad esempio sugli extracomunitari, mandarli via tutti o tenerli tutti non sono soluzioni, proviamo a prendere i delinquenti e quando vengono beccati mandarli via (mandarli via davvero però, caricarli su una camionetta e portarli alle autorità del loro paese, non dargli un foglio con scritto che se ne devono andare), così:

- i delinquenti li abbiamo cacciati
- gli immigrati onesti restano e lavorano, contribuendo al paese
- quelli che avevano intenzione di venire qui per delinquere cominceranno a pensarci su 2 volte
- si liberano un po' di posti nelle carceri così non ci sarà più bisogno di vaccate come l'indulto


Bisogna fare qualcosa insomma, non starsene con le mani in mano, seduti davanti alla TV a dire che il mondo fa schifo, o peggio ancora starsene seduti (quando ci stanno) in parlamento a protestare perchè nelle brioche del bar del parlamento c'è poca marmellata e intanto lasciar marcire l'Italia....

Bisogna cambiare le cose, meglio cominciare con le più piccole, come ad esempio far trasmettere in televisione "V per vendetta", che non è mai, e dico MAI stato trasmesso, secondo voi perchè?....

tania_01 ha detto...

sto dalla tua parte